VICTOR TAICHUNG - H1000

CENTRI DI LAVORO - Orizzontali

Caratteristiche

CORSA ASSE X1350 mm
CORSA ASSE Y1050 mm
CORSA ASSE Z1050 mm
DISTANZA NASO MANDRINO PIANO TAVOLA220-1270 mm
AVANZAMENTI RAPIDI X-Y-Z15 - 15 - 15 m/min
MANDRINO4500 rpm; 18,5-22 (22-26) Kw; BT-50 (opt. BBT-50)
PALLETINDEX 1° (opt. IN CONTINUO) ; 1000X1000 mm
MAX CARICO AMMESSO2000 Kg
MAX DIMENSIONI PEZZO LAVORABILEᴓ 1350x1350 mm
MAGAZZINO UTENSILI da 90 a 240 POS
LUNGHEZZA MAX UTENSILE600 mm
DIAMETRO MAX UTENSILE110 (245) mm
PESO MAX UTENSILE25 Kg
CONTROLLOFANUC 0i-MF
INGOMBRO_L 4580 mm
INGOMBRO_P 8400 mm
INGOMBRO_H 3950 mm
PESO 31420 Kg

IL BASAMENTO
E’ costruito in un’unica fusione di ghisa Meehanite ® come tutte le altre strutture anch’esso è progettato e disegnato secondo l’applicazione del sistema di analisi e progettazione (FEA) utilizzando questo sistema il computer determina la sezione e la dislocazione delle nervature interne che costituiscono i corpi in ghisa delle strutture. La ghisa Meehanite ®
di alta qualità ed il corpo macchina così realizzato permettono lavorazioni molto gravose senza alcuna vibrazione con un grado di finitura superficiale del pezzo molto alto. Sullo stesso sono ricavate le ampie guide quadre per il movimento trasversale del montante (asse X) e del movimento longitudinale della tavola (asse Z)

IL MONTANTE
Anche il montante è costruito in ghisa Meehanite ®.
Anch’esso è progettato e disegnato secondo l’applicazione del sistema di analisi e progettazione (FEA) ha una struttura a “scatola “. Termicamente simmetrica per cui eventuali escursioni termiche non inducono lo stesso a deformazioni apprezzabili, quindi alla tenuta delle geometrie. Il sistema a montante mobile aumenta la capacità di lavorazione della macchina eliminando allo stesso tempo i problemi di potenza e vibrazioni insiti nella struttura delle macchine con movimentazione della tavola del tipo a croce. Questa struttura e stata progettata e realizzata per conferire alla macchina notevole stabilità con eccellenti caratteristiche di smorzamento delle vibrazioni pur affrontando grandi asportazioni di truciolo anche su acciai legati.


GUIDE DI SCORRIMENTO
Come descritto precedentemente le guide di scorrimento del centro di lavoro orizzontale H 1000 guide quadre integrali alle strutture sia al basamento che al montante; le dimensioni delle stesse sono molto ampie tali da rendere molto bassa la pressione specifica anche sotto l’azione di carichi e delle sollecitazioni di lavoro più elevate. Ovviamente un efficace sistema di lubrificazione forzata mantiene le superfici adeguatamente lubrificate riducendo ai minimi termini il contatto radente e quindi anche una trascurabile usura nel tempo, pur mantenendo una velocità di spostamento degli assi adeguata. Questa soluzione ci consente di spostare il centro di gravita di questa massa in avanti verso il centro del basamento ottimizzando la distribuzione dei carichi e quindi le prestazioni e durata nel tempo. Anche per gli assi Y e Z la soluzione applicata è con guide piane integrali e contro guide in acciaio. Un efficiente sistema di lubrificazione forzata automatico temporizzato garantisce una costante lubrificazione delle superfici.

LINEA MANDRINO
Ha una struttura monolitica, fusa in ghisa meccanica ed è centrata tra le guide del montante sul quale scorre. Il fatto di essere realizzata in un’unica fusione di ghisa stabilizzata le conferisce un’estrema robustezza, che permette capacità di fresatura maggiori, e migliore precisione di quelle ottenibili su macchine dove il naso del mandrino sia accoppiato alla restante struttura e non integrale come nel Victor H 1000.
La velocità di rotazione del mandrino è comandata da un motore in corrente alternata “brushless” con variazione automatica della frequenza, il mandrino è supportato da tre serie di cuscinetti ultra precisi e precaricati con lubrificazione forzata. Il cambio gamma automatico (2 velocità) ha tutti i cinematismi (alberi - ingranaggi - ecc.) cementati, temprati e rettificati e funziona in bagno d’olio. Uno scambiatore di calore garantisce il mantenimento di temperatura costante dell’olio contenuto nella testa. Il sistema di bloccaggio / sbloccaggio utensile trova posto in parte all’interno dell’albero mandrino in parte posteriormente. Il bloccaggio è meccanico (molle a tazza); lo sbloccaggio è idraulico.

ASSI
I tre assi x, y, z sono comandati da motori digitali brushless in corrente alternata senza spazzole per cui non richiedono nessuna manutenzione. La trasmissione del moto avviene attraverso viti a ricircolazione di sfere rettificate, e con chiocciola precaricata.

LINEA MANDRINO
Il supporto sul quale è applicato il naso mandrino è una struttura monolitica, fusa in ghisa meccanica ed è centrata tra le guide frontali del montante/colonna sul quale scorre. Il fatto di essere realizzato in acciaio ne conferisce un’estrema robustezza, che permette capacità di fresatura maggiori, e migliore precisione. Il motore mandrino raggiunge una potenza di 22 kW.

CAMBIO UTENSILI
Il sistema di cambio automatico degli utensili è costituito da un magazzino del tipo “a catena” posizionato al lato destro del montante, e da un braccio scambiatore a doppia presa. La struttura del magazzino è una fusione in ghisa completamente separata dal resto della macchina. Questo accorgimento è stato adottato per evitare che in fase di rotazione la catena porta utensili possa in qualche modo influire sul grado di lavorazione/finitura, trasferendo alla macchina vibrazioni inopportune. Il disegno costruttivo del magazzino è molto accessibile, e facilita le operazioni di sostituzione utensile. Il braccio scambiatore è costruito secondo concezioni di notevole robustezza ed affidabilità nel tempo. La selezione dell’utensile del tipo “Random” bidirezionale, con ricerca dell’utensile secondo il tragitto più breve, permette una veloce preselezione durante la lavorazione, quindi in tempo mascherato, per minimizzare i tempi di ricerca utensile.

CAMBIO PALLET PARALLELO
Il cambio pallets di tipo parallelo è ideale per minimizzare il problema degli ingombri dei pezzi lavorati e delle eventuali attrezzature di staffaggio e facilita le operazioni di carico / scarico pezzo. L’Unità di cambio pallet consiste in un basamento in ghisa, sul quale sono collocate le due tavole porta pezzo, che sono inserite da un sistema di trasferimento PARALLELO. Le due posizioni sono rispettivamente: Posizione interna alla macchina: posiz. di lavoro; posizione esterna alla macchina: posiz. di carico / scarico. Con questo sistema si eliminano i tempi passivi di carico scarico pezzi in quanto queste operazioni vengono eseguite in tempo mascherato e cioè finché la macchina lavora. La posizione esterna è separata dalla posizione interna da un riparo.

CONVOGLIATORE TRUCIOLI
Sono due posizionati anteriormente/posteriormente alla tavola lungo l’asse trasversale del tipo a spirale, assieme alle protezioni inclinate delle guide di scorrimento permette una perfetta evacuazione dei trucioli dalla zona di lavoro. Oltre a questo evacuatore interno alla macchina, è disponibile un evacuatore esterno a nastro incernierato (opzionale).



IMPIANTO DI REFRIGERAZIONE UTENSILI
E’ completo di vasca di raccolta capace di contenere fino a 600 litri, pompa e tubazioni per la refrigerazione degli utensili (con una capacità di erogazione pari a 50 lt/1’) e per la pulizia delle protezioni telescopiche dai trucioli. L’evacuazione del truciolo avviene tramite spirale.

IMPIANTO ELETTRICO ELETTRONICO
L’impianto, integrato con il CNC della macchina, è completo di armadio a tenuta stagna contenente tutta l’apparecchiatura, tutti i comandi nonché l’unità di governo, sono piazzati a bordo macchina.

IMPIANTO LUBRIFICAZIONE AUTOMATICO
Comprende la centralina di lubrificazione, dotata di un temporizzatore e una serie di dosatori per la lubrificazione automatica di: guide di scorrimento - viti a ricircolo di sfere - cuscinetti.

IMPIANTO PNUMATICO
Completo di gruppo filtro, riduttore, lubrificatore, elettrovalvole. Lo stesso alimenta i dispositivi di pulizia del cono di attacco utensile sul mandrino ed i soffiatori contro l’ingresso di corpi estranei nel mandrino stesso e nelle spine di centraggio del pallet.

Categoria

CENTRI DI LAVORO

Marca

VICTOR TAICHUNG

Modello

H1000

Caratteristiche

CORSA ASSE X1350 mm
CORSA ASSE Y1050 mm
CORSA ASSE Z1050 mm
DISTANZA NASO MANDRINO PIANO TAVOLA220-1270 mm
AVANZAMENTI RAPIDI X-Y-Z15 - 15 - 15 m/min
MANDRINO4500 rpm; 18,5-22 (22-26) Kw; BT-50 (opt. BBT-50)
PALLETINDEX 1° (opt. IN CONTINUO) ; 1000X1000 mm
MAX CARICO AMMESSO2000 Kg
MAX DIMENSIONI PEZZO LAVORABILEᴓ 1350x1350 mm
MAGAZZINO UTENSILI da 90 a 240 POS
LUNGHEZZA MAX UTENSILE600 mm
DIAMETRO MAX UTENSILE110 (245) mm
PESO MAX UTENSILE25 Kg
CONTROLLOFANUC 0i-MF
INGOMBRO_L 4580 mm
INGOMBRO_P 8400 mm
INGOMBRO_H 3950 mm
PESO 31420 Kg

Descrizione

IL BASAMENTO
E’ costruito in un’unica fusione di ghisa Meehanite ® come tutte le altre strutture anch’esso è progettato e disegnato secondo l’applicazione del sistema di analisi e progettazione (FEA) utilizzando questo sistema il computer determina la sezione e la dislocazione delle nervature interne che costituiscono i corpi in ghisa delle strutture. La ghisa Meehanite ®
di alta qualità ed il corpo macchina così realizzato permettono lavorazioni molto gravose senza alcuna vibrazione con un grado di finitura superficiale del pezzo molto alto. Sullo stesso sono ricavate le ampie guide quadre per il movimento trasversale del montante (asse X) e del movimento longitudinale della tavola (asse Z)

IL MONTANTE
Anche il montante è costruito in ghisa Meehanite ®.
Anch’esso è progettato e disegnato secondo l’applicazione del sistema di analisi e progettazione (FEA) ha una struttura a “scatola “. Termicamente simmetrica per cui eventuali escursioni termiche non inducono lo stesso a deformazioni apprezzabili, quindi alla tenuta delle geometrie. Il sistema a montante mobile aumenta la capacità di lavorazione della macchina eliminando allo stesso tempo i problemi di potenza e vibrazioni insiti nella struttura delle macchine con movimentazione della tavola del tipo a croce. Questa struttura e stata progettata e realizzata per conferire alla macchina notevole stabilità con eccellenti caratteristiche di smorzamento delle vibrazioni pur affrontando grandi asportazioni di truciolo anche su acciai legati.


GUIDE DI SCORRIMENTO
Come descritto precedentemente le guide di scorrimento del centro di lavoro orizzontale H 1000 guide quadre integrali alle strutture sia al basamento che al montante; le dimensioni delle stesse sono molto ampie tali da rendere molto bassa la pressione specifica anche sotto l’azione di carichi e delle sollecitazioni di lavoro più elevate. Ovviamente un efficace sistema di lubrificazione forzata mantiene le superfici adeguatamente lubrificate riducendo ai minimi termini il contatto radente e quindi anche una trascurabile usura nel tempo, pur mantenendo una velocità di spostamento degli assi adeguata. Questa soluzione ci consente di spostare il centro di gravita di questa massa in avanti verso il centro del basamento ottimizzando la distribuzione dei carichi e quindi le prestazioni e durata nel tempo. Anche per gli assi Y e Z la soluzione applicata è con guide piane integrali e contro guide in acciaio. Un efficiente sistema di lubrificazione forzata automatico temporizzato garantisce una costante lubrificazione delle superfici.

LINEA MANDRINO
Ha una struttura monolitica, fusa in ghisa meccanica ed è centrata tra le guide del montante sul quale scorre. Il fatto di essere realizzata in un’unica fusione di ghisa stabilizzata le conferisce un’estrema robustezza, che permette capacità di fresatura maggiori, e migliore precisione di quelle ottenibili su macchine dove il naso del mandrino sia accoppiato alla restante struttura e non integrale come nel Victor H 1000.
La velocità di rotazione del mandrino è comandata da un motore in corrente alternata “brushless” con variazione automatica della frequenza, il mandrino è supportato da tre serie di cuscinetti ultra precisi e precaricati con lubrificazione forzata. Il cambio gamma automatico (2 velocità) ha tutti i cinematismi (alberi - ingranaggi - ecc.) cementati, temprati e rettificati e funziona in bagno d’olio. Uno scambiatore di calore garantisce il mantenimento di temperatura costante dell’olio contenuto nella testa. Il sistema di bloccaggio / sbloccaggio utensile trova posto in parte all’interno dell’albero mandrino in parte posteriormente. Il bloccaggio è meccanico (molle a tazza); lo sbloccaggio è idraulico.

ASSI
I tre assi x, y, z sono comandati da motori digitali brushless in corrente alternata senza spazzole per cui non richiedono nessuna manutenzione. La trasmissione del moto avviene attraverso viti a ricircolazione di sfere rettificate, e con chiocciola precaricata.

LINEA MANDRINO
Il supporto sul quale è applicato il naso mandrino è una struttura monolitica, fusa in ghisa meccanica ed è centrata tra le guide frontali del montante/colonna sul quale scorre. Il fatto di essere realizzato in acciaio ne conferisce un’estrema robustezza, che permette capacità di fresatura maggiori, e migliore precisione. Il motore mandrino raggiunge una potenza di 22 kW.

CAMBIO UTENSILI
Il sistema di cambio automatico degli utensili è costituito da un magazzino del tipo “a catena” posizionato al lato destro del montante, e da un braccio scambiatore a doppia presa. La struttura del magazzino è una fusione in ghisa completamente separata dal resto della macchina. Questo accorgimento è stato adottato per evitare che in fase di rotazione la catena porta utensili possa in qualche modo influire sul grado di lavorazione/finitura, trasferendo alla macchina vibrazioni inopportune. Il disegno costruttivo del magazzino è molto accessibile, e facilita le operazioni di sostituzione utensile. Il braccio scambiatore è costruito secondo concezioni di notevole robustezza ed affidabilità nel tempo. La selezione dell’utensile del tipo “Random” bidirezionale, con ricerca dell’utensile secondo il tragitto più breve, permette una veloce preselezione durante la lavorazione, quindi in tempo mascherato, per minimizzare i tempi di ricerca utensile.

CAMBIO PALLET PARALLELO
Il cambio pallets di tipo parallelo è ideale per minimizzare il problema degli ingombri dei pezzi lavorati e delle eventuali attrezzature di staffaggio e facilita le operazioni di carico / scarico pezzo. L’Unità di cambio pallet consiste in un basamento in ghisa, sul quale sono collocate le due tavole porta pezzo, che sono inserite da un sistema di trasferimento PARALLELO. Le due posizioni sono rispettivamente: Posizione interna alla macchina: posiz. di lavoro; posizione esterna alla macchina: posiz. di carico / scarico. Con questo sistema si eliminano i tempi passivi di carico scarico pezzi in quanto queste operazioni vengono eseguite in tempo mascherato e cioè finché la macchina lavora. La posizione esterna è separata dalla posizione interna da un riparo.

CONVOGLIATORE TRUCIOLI
Sono due posizionati anteriormente/posteriormente alla tavola lungo l’asse trasversale del tipo a spirale, assieme alle protezioni inclinate delle guide di scorrimento permette una perfetta evacuazione dei trucioli dalla zona di lavoro. Oltre a questo evacuatore interno alla macchina, è disponibile un evacuatore esterno a nastro incernierato (opzionale).



IMPIANTO DI REFRIGERAZIONE UTENSILI
E’ completo di vasca di raccolta capace di contenere fino a 600 litri, pompa e tubazioni per la refrigerazione degli utensili (con una capacità di erogazione pari a 50 lt/1’) e per la pulizia delle protezioni telescopiche dai trucioli. L’evacuazione del truciolo avviene tramite spirale.

IMPIANTO ELETTRICO ELETTRONICO
L’impianto, integrato con il CNC della macchina, è completo di armadio a tenuta stagna contenente tutta l’apparecchiatura, tutti i comandi nonché l’unità di governo, sono piazzati a bordo macchina.

IMPIANTO LUBRIFICAZIONE AUTOMATICO
Comprende la centralina di lubrificazione, dotata di un temporizzatore e una serie di dosatori per la lubrificazione automatica di: guide di scorrimento - viti a ricircolo di sfere - cuscinetti.

IMPIANTO PNUMATICO
Completo di gruppo filtro, riduttore, lubrificatore, elettrovalvole. Lo stesso alimenta i dispositivi di pulizia del cono di attacco utensile sul mandrino ed i soffiatori contro l’ingresso di corpi estranei nel mandrino stesso e nelle spine di centraggio del pallet.

ALTRI CENTRI DI LAVORO